Il commercio locale, leva importante dello sviluppo economico

Favorire il commercio cittadino, a partire dalla sottoscrizione di un patto di fiscalità locale tra comune ed esercenti. Avviare un piano di riqualificazione dei mercati e puntare sul marketing territoriale

Il commercio è sempre più fattore di sviluppo della vita urbana e della socialità, motivo di attrattività, componente di uno stile di vita. 

Per questo il settore vive un’evoluzione complessa, collegata strettamente alle modificazioni sociali e urbanistiche della città. Per questo occorre conciliare i tempi della città con quelli dei lavoratori del settore del commercio. La desertificazione commerciale di alcune aree e al contempo l’impoverimento di alcune zone periferiche richiedono, negli attuali limitati spazi di intervento delle amministrazioni locali, una visione complessiva per essere affrontate. 

A tal proposito il recente bando regionale per l’attuazione del DUC (Distretto Urbano del Commercio) è lo strumento ideale di promozione del commercio e di valorizzazione dell’aggregazione culturale e sociale, attraverso il coinvolgimento di tutti gli stakeholder presenti. Lo strumento del DUC consente di realizzare interventi di riqualificazione urbana (arredo urbano, verde, illuminazione, ma anche strutture per il commercio), campagne di promozione e valorizzazione del distretto, piani di marketing territoriale (eventi, comunicazione coordinata, attività culturali). 

Un altro importante progetto avviato dall’amministrazione uscente è quello relativo al SUAP associato sovracomunale (Sportello Unico per le Attività Produttive), iniziativa promossa da Città metropolitana di Milano in accordo con i Comuni di Bollate, Rho, Vanzago, Cesate e Pregnana Milanese, Assolombarda e Camera di Commercio che ha come obiettivo la condivisione di software, piattaforme digitali  della CCIA e risorse amministrative ed economiche per l’accesso ad informazioni e per il rilascio, in tempi rapidi, delle autorizzazioni di competenza comunale nei campi commerciali, artigianali e industriali/ produttivi.

Ciò premesso, la valorizzazione del commercio locale passa anche dalla riqualificazione degli ambienti cittadini, dell’arredo urbano e dalle buone pratiche di commercio innovativo, che l’emergenza sanitaria ha accelerato. Stringeremo accordi con i commercianti locali per la cura dell’arredo urbano che il comune si impegnerà a collocare davanti ai negozi cittadini, posizioneremo posaceneri che aiuteranno a mantenere pulita la città, installeremo pannelli informativi a messaggio variabile in vari punti strategici della città che forniranno informazioni in tempo reale sulle attività cittadine, sul traffico, allerta meteo, disponibilità di parcheggi e promuoveremo la nascita di applicazioni dedicate alla promozione e vendita di prodotti online del  commercio cittadino, mediante la promozione di bandi di finanziamento che favoriranno le start-up e l’imprenditoria giovanile.

Altro aspetto da sviluppare riguarderà il marketing territoriale attraverso la promozione e la valorizzazione delle bellezze naturali, storico-culturali e territoriali e in collaborazione con le associazioni come la Pro Loco, che ha dato un contributo importante in questi anni collaborando con l’amministrazione comunale con i suoi tanti volontari, che hanno donato il loro tempo all’organizzazione di eventi e manifestazioni. 

Le nostre proposte

  • attuazione del DUC (Distretto Unico del Commercio) ed erogazione delle risorse economiche stanziate per il superamento delle criticità acuite dall’emergenza sanitaria in corso;
  • previsione di incentivi fiscali comunali per aiutare il commercio di vicinato e le nuove attività commerciali che decideranno di aprire in città;
  • definizione di un nuovo piano del commercio;
  • rilancio delle attività commerciali del territorio e investimento sul decoro delle vie commerciali;
  • incremento delle iniziative, in collaborazione con tutte le realtà locali, per la vivibilità degli spazi pubblici e la promozione delle attività commerciale (spettacoli, cinema all’aperto, mercatini, murales);
  • azioni di contrasto alla ludopatia anche mediante azioni di premialità economica a favore dei commercianti aderenti.